venerdì 15 settembre 2017

Inserimento!!!

Sono passati già dieci giorni dall'inizio dell'asilo nido, e direi che siamo pronti per fare un bilancio.
Molto molto positivo.
Siamo contentissimi, e non avrei mai pensato che andasse così bene.
La settimana scolastica di Cesare ha avuto inizio di mercoledì, ma il lunedì pomeriggio c'è stata una "merenda" di benvenuto per le famiglie e i bambini, organizzata dalle maestre nel giardino del nido. Cesare era eccitatissimo, glie ne avevamo parlato tanto nei giorni precedenti, mostrandogli la lettera di "invito" che avevamo ricevuto, e quando ci siamo avvicinati all'ingresso è voluto entrare da solo tutto spedito, per poi prendermi per mano subito dopo, alla vista di tutte quelle persone.
Avevano organizzato in modo molto carino e accogliente, c'era la torta e il latte per i bimbi, e ovviamente tutti i giochi del giardino a disposizione. Le educatrici sono tre, noi le avevamo già conosciute nei vari colloqui e come vi avevo scritto ci piacevano già tanto, ma per Cesare è stato il primo incontro con loro.
Sono piaciute anche a lui, sono molto affettuose e materne, e durante il pomeriggio si sono impegnate a interagire con i vari bambini nuovi per rompere il ghiaccio e prendere confidenza.
Il martedì sera abbiamo preparato con Cesare tutte le cose necessarie sistemandole vicino alla porta.
La lista delle cose da portare era bella lunga e io e Carl nelle serate precedenti avevamo fatto i "compiti a casa" per preparare la scatola da scarpe ricoperta di carta e il "quaderno del cuore" con tutte le foto dei membri della famiglia e delle cose preferite da Cesare.
Poi c'erano la cartellina per i disegni, il bicchierino, il sacchetto con i cambi, i calzini antiscivolo, i bavaglini, gli asciugamani.
La mattina di mercoledì Cesare ha voluto prendere tutto lui, un pò di cose nello zainetto e un pò nella cartellina, e gli abbiamo fatto le foto per ricordarci del suo Primo Giorno di Scuola.
Poi io sono dovuta andare a lavorare a malincuore, e l'ho lasciato con Carl: sono andati a fare colazione insieme al bar e poi in bici fino a scuola.
Da quel momento in poi Carl mi ha aggiornato con i messaggi facendomi la telecronaca dei momenti più importanti della mattinata.
Sapeva quanto ero dispiaciuta di non poter essere presente, ed è stato bravissimo a non farmi perdere niente, almeno a parole. Anche se credo che dentro di me rimarrà sempre in un angolino il rimpianto per non aver potuto vedere il mio Cicciolo in questa sua prima grandissima avventura da solo.
Il primo giorno è andato bene, Carl è rimasto con lui per tutta l'ora prevista e poi sono andati dai nonni.
Il secondo giorno invece era quello più delicato, dato che Carl sarebbe dovuto andare via per una mezz'ora.
Cesare lo sapeva, avevamo inventato anche un piccolo rituale prendendo spunto da uno dei suoi libri, nel quale lui doveva regalare una macchinina al suo papà prima di salutarlo, in modo che se avesse sentito la mancanza di Cesare avrebbe avuto con sè la macchinina.
Così poco prima del saluto Cesare ha voluto dargli la macchinina, e poi ha detto "Io non voglio, papà resta un altro pò!" e ha pianto un pò, non disperato, più che altro triste per il distacco.
Poi è andato in braccio alla maestra Alba, e si è calmato, così Carl è andato via. Al ritorno lo ha trovato che giocava tranquillo con gli altri, gli è corso incontro e lo ha abbracciato forte. Le educatrici hanno detto che aveva giocato sereno e fatto la pipì al bagno avvisandole prima. 
Il terzo giorno è andata un pò meglio: Carl è andato via dopo dieci minuti, ma Cesare stavolta dopo avergli dato la macchinina e aver fatto la faccia triste e andato da Alba senza piangere.
Quando è andato a riprenderlo, le educatrici hanno detto a Carl che il lunedì Cesare avrebbe potuto provare a restare nell'ora del pranzo, dato che stava andando tutto bene.
Il pranzo è stato un successone: Cesare ha mangiato tutto chiedendo il bis, poi ha giocato e fatto anche la cacca! :)
Per tutta la settimana è andato aumentando gradualmente il tempo di permanenza: prima un'ora e mezza, poi due ore e mezza, infine tutta la mattina. Al momento di salutare il papà non piange più, va tranquillo dalla maestra e al ritorno è tutto contento.
A casa ho cercato di farmi raccontare più dettagli possibile, per capire come si sentiva al riguardo: mi ha detto che le maestre sono "belle", che i suoi amici sono Vincenzo (che ha fatto l'inserimento insieme a lui) e Matteo "che lo fa ridere"; che c'è un bambino più piccolo, Leonardo, che dà i morsi e prende i giocattoli; che quando sta lì "gioca con il castello, con i camion, con il coccodrillo". Quando gli chiedo:"Domani ci vuoi tornare all'asilo?" mi risponde convinto di si. 
Da quando entra all'orario normale, la mattina abbiamo iniziato a uscire tutti e tre insieme e questo gli piace tantissimo: lui e il papà in bici e io in macchina, facciamo "la gara" per il primo pezzetto a chi arriva prima, e poi ci salutiamo.
Siamo veramente contenti e spero che continui così. Ora il prossimo passo sarà rimanere a dormire, ma con le educatrici abbiamo concordato di farlo in un secondo momento, una volta che si sarà ben abituato a stare tutta la mattina. Nel frattempo ci aiutano i Santi Nonni, che lo tengono da loro dall'una e mezza fino a verso le quattro che torna Carl, o verso le cinque che torno io, a seconda della settimana.
Credo che a questa buona riuscita abbiano contribuito tanti fattori: primo fra tutti la sua età. Sono proprio convinta che ora, a due anni compiuti, Cesare abbia gli strumenti per affrontare nel modo giusto questa grande avventura, e forse sei mesi o un anno fa non sarebbe andata così bene.
E' in grado di parlare e può dirci come si sente, noi possiamo spiegargli cosa succederà il giorno dopo, ha la cognizione del tempo. 
E poi anche la bravura e l'attenzione delle educatrici. Facendo il confronto con la nostra prima, fallimentare esperienza di asilo nido, quando Cesare aveva solo sette mesi, ho capito che tra asilo e asilo c'è tanta differenza. Questa volta sono rimasta subito colpita dalle educatrici, dal fatto che si sentiva in loro la passione e la volontà di accogliere e comprendere ogni singolo bambino con le sue caratteristiche. Sono affettuose, coccolose, gentili, sorridenti. Trattano bambini e genitori con grande rispetto e attenzione.
Poi sicuramente anche il fatto che è stato Carl a gestire l'inserimento ha facilitato le cose.
Anche se mi dispiace infinitamente, so che è stato meglio anche per Cesare vivere questa esperienza con il papà invece che con me. Lui gli trasmette sicurezza e forza, gli fa sentire che può farcela in ogni situazione, che crede in lui e che lo sostiene e gli è vicino senza interferire troppo.
Io so di essere molto più ansiosa e insicura, senza contare che in questo periodo per gli ormoni della gravidanza piango per ogni piccola cosa.
Cercherò comunque di partecipare alle attività organizzate dall'asilo per le famiglie, che sono tante e si svolgono di pomeriggio, quindi uscendo un'oretta prima dal lavoro dovrei farcela.
Insomma, sono stati giorni di grandi emozioni, per tutti noi. 
E la prossima settimana non sarà da meno, dato che finalmente rivedremo il Piccoletto/a nella pancia, e chissà che non scopriamo anche se è un bimbo o una bimba...

14 commenti:

  1. Che bel racconto.
    Sono sempre stupita dalla tua capacità di raccontarci quello che provi con parole semplici eppure efficaci.
    Mi piace che ascoltiate molto il vostro istinto di genitori per il vostro piccolo.. e bravo Cesare che con il papà vicino si fa grande.
    In bocca al lupo per la prossima settimana!! Tu cosa "senti" riguardo al sesso di Piccoletto/a??
    Un bacio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! !!! Sono felice di riuscire a trasmetterci le mie emozioni! !! Quanto a Piccoletto/a, non so. ...sarebbe troppo bello se fosse una bimba, ma non voglio sperarci troppo, secondo Carl è un altro bisontino come Cesare! !!! :)

      Elimina
  2. Cara Ellie anche io ho la sensazione che sarà un altro maschietto per te.. mentre Stellina la pensavo femmina. Chissà.. 50% di possibilità.
    So che gli vorrete molto bene in ogni caso ..
    Io iho la laparoscopia fissata per ottobre, sai non mi sembra ancora possibile che ci sia un motivo dietro questa lunga ricerca (per 2 anni siamo stati sine causa senza mai un positivo..) forse quando mi opereranno me ne renderò conto meglio.. anche a te era successo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gia' così vicina la laparoscopia? Che bello, è un grande passo verso la Vittoria!!! Si, anche a me era successo così, solo dopo l'intervento avevo preso proprio coscienza di avere finalmente trovato il nemico da combattere, e di averlo battuto! E mi è venuta una rabbia verso tutti quei medici che non si erano accorti del problema prima di allora....

      Elimina
    2. Grazie Ellie.
      In realtà la diagnosi è del 22 giugno e l'intervento fissato per il 24 ottobre se non ci sono imprevisti.. quattro mesi di lista d'attesa come canonico.. attesa infinita!
      PS ho sbagliato in pieno, la vostra cucciola è femmina.. meglio così! :)

      Elimina
  3. Anche Pasticcino alcune cose preferisce farle col papà ed altre con me! Ma il nido giusto fa la differenza! Bella idea anche quella delle attività da fare con le famiglie Una carezza alla pancia e aspetto di sapere chi arriverà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'inserimento continua, non è una passeggiata come all'inizio, ma sta facendo il suo corso. Un abbraccio anche a te!!!

      Elimina
  4. Sta andando tutto bene! Si vede che per Cesare era questo il momento giusto, e anche per voi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo di si! Speriamo che continui così!!!

      Elimina
  5. ciao Ellie, ti seguo da un po' in silenzio, sono felice per voi, le cose stanno andando benone!! siamo quasi "sorelle" di pancia, adesso sono di 14 settimane...se ti va dai un occhio al mio blog. un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, benvenuta, ho letto il tuo blog e l'ho aggiunto alla mia lista così ti posso seguire! Siamo vicine di data, è vero...forza, ce la faremo!!!!

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  7. Che dolce <3 bravo Cesare, comunque e bravi voi che lo avete abituato bene.
    vedo che anche tu sei assediata dalla stessa spammer che ha infestato il mio blog... motivo per cui, avendo messo i commenti in moderazione, non ricevevo più le notifiche dei vostri commenti!
    non vedo l'ora di avere aggiornamenti su Piccoletto/a ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, l'ho cancellata..! Adesso vi aggiorno, che ci sono belle novità...:)

      Elimina