martedì 27 febbraio 2018

La nascita di Anita: il racconto

Durante la 38esima settimana sono riuscita a portare a termine tutte le cose che mi ero ripromessa di fare prima che nascesse Anita: le ultime visite (tampone, visita per l'epidurale, colloquio per la donazione del cordone), la ceretta, il colore ai capelli, e una seduta di riflessologia per la preparazione al parto molto impegnativa e in alcuni punti anche dolorosa.
Nel fine settimana sono venuti a trovarci mio padre e sua moglie e siamo riusciti ad andare a mangiare una buona pizza tutti insieme e la domenica ad andare a vedere la sfilata per il capodanno cinese, con grande divertimento di Cesare. Abbiamo inseguito il dragone per le strade del centro e poi ci siamo presi una buonissima cioccolata calda in un bar. Insomma, ce la siamo proprio spassata!
La domenica sera parlando con Carl gli ho detto che non avevo proprio più niente da fare: dalla mia lista avevo spuntato tutto, non mi restava che mettermi a pulire casa! Mi era presa una certa irrequietezza, ero preoccupata che Anita non volesse più nascere, avevo pensieri sull'induzione e sul parto. Sempre la domenica sera avevo controllato su internet il segno zodiacale: proprio quel  pomeriggio il sole era entrato nel segno dei Pesci, quindi da quel momento in poi la nostra Anita sarebbe stata una pesciolina.
Ero felice, "Nata sotto il segno dei pesci" di Venditti è una delle canzoni preferite mie e di Carl...
Il lunedì mattina la sveglia ha suonato alle 6:30 come sempre e mi sono alzata per fare il biberon a Cesare. Poi lui ha preso il latte e l'ho portato in cucina a fare colazione. A quel punto sono cominciati dei doloretti mestruali abbastanza continui. Tempo dieci minuti e sono diventate delle vere e proprie contrazioni, più forti e lunghe. Ho pensato:"Ecco come sono le vere contrazioni, non quelle dell'induzione!" Le sentivo arrivare, poi salire di intensità ( e mi mettevo a dondolare e a respirare) e poi il dolore diminuiva e finiva. Pensavo che questa fase sarebbe durata tanto, e avevo detto a Carl di portare intanto Cesare all'asilo. Ma un attimo dopo mi si sono rotte le acque: liquido caldo tra le gambe, e ho esclamato:"Ragazzi, ci siamo, Anita vuole nascere!
Ho detto a Carl di avvisare mio suocero che venisse subito, e intanto sono andata a lavarmi i denti e mi sono messa un pantalone della tuta sopra la camicia da notte, tanto ho pensato che era inutile vestirsi per andare a partorire! Intanto le contrazioni erano sempre più vicine, il nonno è arrivato dopo una decina di minuti e sono riuscita a salutare Cesare che era sul vasino in bagno. Gli ho detto:"Cesare, la mamma va a far nascere Anita! Ci vediamo quando è nata!" e lui era tutto contento ed emozionato. Aveva deciso di non andare all'asilo, ma di andare a casa dei nonni, dato che era una giornata speciale.
Il tempo di scendere le scale e salire in macchina e le contrazioni sono diventate molto dolorose: mi sono messa in ginocchio sul sedile posteriore e quando arrivava la contrazione urlavo e ne dicevo di tutti i colori. Carl è partito a tutta velocità, ma dopo cento metri mi sono ricordata della cartellina con le analisi della gravidanza, ed è dovuto tornare di corsa a casa a prenderla, dove ha trovato Cesare che saltava sul letto tutto contento.
Tra casa nostra e l'ospedale ci sono tre minuti di strada, ma durante il tragitto ho iniziato a sentire il bisogno di spingere.
Non potevo crederci, era troppo presto!
Ho cominciato a gridare a Carl :"Nasce, nasce nasce!!!" e ad ogni contrazione dicevo ad Anita:" Aspetta, aspetta, non nascere!"
Finalmente siamo entrati nel parcheggio dell'ospedale, e sono scesa dalla macchina.
A quel punto ho avuto un'altra contrazione fortissima e ho sentito chiaramente che la testa stava uscendo! Siamo rimasti fermi così, io aggrappata a Carl che mi sorreggeva, incapaci di muoverci. Per fortuna sono passati dei vigilanti, Carl ha richiamato la loro attenzione e sono corsi a cercare una barella.
Da quel momento in poi per me è stato tutto molto confuso, e mi baso sul racconto di Carl.
Non riuscivo a salire sulla barella e qualcuno ha detto:"Signora, se non sale lo fa qui nel parcheggio!" Poi non so come ce l'ho fatta e mi hanno portato di corsa dentro il pronto soccorso. Io urlavo che stava nascendo, che volevo un'ostetrica, che dovevano prenderla perchè avevo paura che cadesse..e poi dentro l'ascensore ho gridato di togliermi i pantaloni..Carl me li ha tirati via..e ha visto la testa di Anita! A quel punto si è veramente spaventato, ma una volta aperte le porte dell'ascensore eravamo al sicuro: sono accorse tantissime persone, mi hanno detto di spingere e io ho dato la mia unica spinta. Hanno preso Anita e l'hanno tirata fuori. 
Alle 8:09 del 19 febbraio, a 39 settimane precise, è nata la nostra bambina.
L'ho sentita piangere, me l'hanno appoggiata sul giubotto che avevo ancora addosso e ho baciato la sua testolina piccola e calda.
Carl a quel punto piangeva e lo hanno visto sbiancare, tanto che una dottoressa gli ha chiesto se voleva sedersi.
Ma tutto era andato bene.
Lui si è ricordato della donazione del cordone, e tutti sono scoppiati a ridere dato che in quelle condizioni era impossibile. Hanno tagliato il cordone e poi mi hanno detto di spingere per la placenta, e come per magia è uscita tutta e l'ho anche vista!
Io continuavo a ripetere:"Non ci posso credere, non ci posso credere.." perchè davvero mi sembrava incredibile che Anita fosse già nata.
A questo punto ci hanno portato in sala parto, dove un medico mi ha messo i punti mentre Anita veniva visitata. Mi hanno fatto togliere il giubotto e la camicia insanguinata e le ostetriche hanno trovato nella valigia la camicia che avevo scelto per il parto (la stessa usata con Cesare) e me l'hanno fatta indossare.
Poi ci hanno portato nella stanza del post parto, dove abbiamo passato le nostre due ore di pelle a pelle: Anita tutta nuda, avvolta solo in un lenzuolino, ha preso il suo primo latte tra le mie braccia, con Carl che stava lì accanto a noi.
E ora non mi resta che raccontarvi l'incontro con il fratello maggiore, che è avvenuto all'ora di pranzo. Lo hanno portato i nonni, ma sono rimasti fuori ad aspettare un pò perchè volevamo che l'incontro avvenisse quando eravamo solo noi quattro.
Non dimenticherò mai la sua espressione emozionata e spaventata quando ha fatto capolino nella stanza, reggendo il pacchetto con il regalo per la sorellina. Non abbiamo detto molte cose, ma le emozioni forti non si dicono a parole.
L'ha presa anche in braccio, ma quando lei si è messa a piangere ci è rimasto male e mi ha detto subito di darle il latte. E' stato felice di ricevere il robot che gli ha regalato lei, non se l'aspettava che gli portasse un regalo "dallo spazio". Man mano che sono arrivati i nonni e gli zii li ha portati tutti a vedere la sua sorellina, orgoglioso.
E così è iniziata la nostra vita in quattro.
I primi giorni sono stati molto difficili, vi racconterò nel prossimo post. Problemi con l'allattamento, sbalzi ormonali, e ovviamente la reazione inevitabile di Cesare al grande cambiamento.
Ora sono passati otto giorni e posso dire che va molto meglio.
E che sono immensamente felice e grata alla mia vita.

23 commenti:

  1. che emozione gigante leggerti.che roba. splendida mamma e splendidi tutti. che roba

    RispondiElimina
  2. Wow che emozione grande!!! Mi sono commossa..un parto davvero rapido! I primi giorni è normale che sia tutto un po' scombussolato, per voi 2 come per Cesare..ma poi andrà ogni giorno meglio, come tu stessa stai già vedendo! Io sono ancora qui..oggi 38+0..a dispetto di tutti i pronostici di parto prematuro e collo accorciato domani è già marzo e alla fine siamo quasi arrivate al termine anche noi! Sono molto felice e serena ma adesso ho decisamente voglia che nasca,sono curiosa di vederla! Ti tengo aggiornata...benvenuta piccola Anita e buon inizio di vita a 4 a voi! Un grosso abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicura che anche per te sarà velocissimo, in fondo è la terza! !! Dai che tra pochissimo la conoscerai! :)

      Elimina
  3. ho gli occhi lucidi e sono in ufficio....Grazie per queste belle emozioni...Ancora congratulazioni!

    RispondiElimina
  4. mamma mia mi sono emozionata tantissimo a legger questo post ancora benvenuta piccola Anita e auguri per la nuova vita a 4

    ele https://eleaspirantemamma.wordpress.com/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ele, presto arriverà anche il vostro momento, ne sono sicura! !!!

      Elimina
  5. Che emozione. Ecco che finalmente il cerchio si chiude. Vi abbraccio forte, bellissimo racconto, a presto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, la sensazione è proprio quella, il cerchio che si chiude. ..e un grande senso di completezza. .

      Elimina
  6. Il parto dei sogni!!!
    Che bello, godetevi la vostra nuova vita in 4!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero, non ci avrei mai sperato in un parto così! Tutto merito di Anita. ..e forse anche la riflessologia ha aiutato! :)

      Elimina
  7. Dai Ellie!!! mi sentivo fosse successo qualcosa...questa sera sono corsa a leggerti!!! Che bel racconto, quante emozioni!! E brava Anita che è stata velocissima!!! Aspettiamo aggiornamenti!!! Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! !! Un abbraccio forte anche a te. E appena riesco aggiornerò!

      Elimina
  8. Tesoro caro, leggo solo adesso la meravigliosa notizia. Tua figlia non finisce mai di sorprenderci, in questa giornata un po' grigia questo racconto mi ha riempita di gioia. Brava, piccola stellina!
    Un bacio immenso a te, splendida mamma bis e a tutta la tua adorata famiglia <3

    RispondiElimina
  9. Racconto emozionante!!!!
    Buona vita a 4!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Spero di cavarmela bene come te! :)

      Elimina
  10. Grazie per aver condiviso la vostra storia e.. benvenuta Anita!
    Spero presto di vivere le vostre stesse emozioni!!
    E buona vita!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto tutto il tuo blog. ...ce la farete, siete forti! !!!! Un abbraccio forte e grazie per essere passata di qua! :)

      Elimina
  11. cara ellie, ho pianto e riso leggendo il tuo post... mi avete emozionata voi quattro! siete così belli! vi abbraccio forte! v

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Vale! !! Un grande abbraccio anche a te! !!

      Elimina
  12. Che bel racconto, che bel parto! Cosa mi ero persaaa!!! Congratulazioni Ellie! Smack smack ai piccoli.

    RispondiElimina